You are here

geranium vs pelargonium

Chi è un poco più avvezzo
ai termini botanici conosce la confusione generata in tempi remoti riguardo il nome di questa bella pianta che adorna con allegria i balconi primaverili ed estivi. Chi invece ne è digiuno imparerà qui che la pianta ritratta nella foto comunemente chiamata geranio è in realtà un pelargonio. Non datevi pena di imparare la cosa, oramai per tutti il geranio è il geranio… amo gli ibridi zonali, quelli con grandi foglie vellutate ricche di venature e una macchia scura sulla superficie superiore con ramificazioni legnosette alla base e quelli odorosi. Ho provato anche a coltivare quelli da collezione, avevo acquistato un magnifico esemplare al Chelsea Flower Show ma bisogna essere PRO per quelle preziose varietà.

my geranium S. Chiarugi 18
Per l’estate ho acquistato alcune piante, di solito mi faccio facilmente tentare dai pelargonio ad infiorescenza bianca ma ultimamente vi ho raccontato della mia tendenza verso le sfumature rosa\albicocca e amo particolarmente questo zonale carnicino.

my geranium S. Chiarugi 1.jpg

Non ho la possibilità di conservare in apposita serra i pelargoni durante l’inverno, malgrado siano piante perenni, li considero come annuali e come tali ogni primavera acquisto nuovi esemplari, nel tempo ho coltivato anche quei particolari ibridi che presentano due petali superiori più grandi e di colore diverso rispetto agli inferiori che ricordano le piccole viole del pensiero e sono chiamati ‘Angel’ , le foglie sono crespe, leggermente profumate e assomigliano a quelle del macranta, seppur siano piante già conosciute nell’800 sono stati immessi sul mercato nuovi ibridi come P. crispum ‘Angel Eyes’ apprezzati per la grande rifiorenza, che viene stimolata se ricordate di eliminare con costanza i fiori appassiti.

my geranium S. Chiarugi 3..jpg

 

pelargonium peltatum S. Chiarugi

Chi cerca una pianta dalle ramificazioni ricadenti, Pelargonium peltatum, meglio conosciuto come parigino o edera è quello più indicato perché forma una magnifica cascata di fiori.

Il mio geranio preferito è da sempre quello profumato, mi piacciono quasi tutte le varietà, in passato ne avevo coltivato una particolarmente pregiata che si chiama ‘Attar of Rose’ ha una bella storia e molte proprietà e se ne avete la possibilità vi consiglio di aggiungerlo alla vostra collezione.

my geranium S. Chiarugi 3.

Adoro le ghirlande, mi piace anche solo realizzarle per fotografarle anche perché mi sono imposta di evitare di accumulare quelle essiccate. Non perché non mi piacciono anzi hanno ancora più fascino, il problema è lo spazio. Comunque ho risolto in due modi, il primo è regalarle, così scarico il problema su altri e l’altro è creare ghirlande effimere come questa con il pelargonio, avete mai pensato che il suo fiore è perfetto anche da reciso?

Vi invito a visitare il sito ufficiale dedicato a tutti gli amanti del genere pelargonium per scoprire tutte le specie, varietà e i nuovi ibridi e per come utilizzarli per le decorazioni più originali.

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

geranium vs pelargonium

Chi è un poco più avvezzo
ai termini botanici conosce la confusione generata in tempi remoti riguardo il nome di questa bella pianta che adorna con allegria i balconi primaverili ed estivi. Chi invece ne è digiuno imparerà qui che la pianta ritratta nella foto comunemente chiamata geranio è in realtà un pelargonio. Non datevi pena di imparare la cosa, oramai per tutti il geranio è il geranio… amo gli ibridi zonali, quelli con grandi foglie vellutate ricche di venature e una macchia scura sulla superficie superiore con ramificazioni legnosette alla base e quelli odorosi. Ho provato anche a coltivare quelli da collezione, avevo acquistato un magnifico esemplare al Chelsea Flower Show ma bisogna essere PRO per quelle preziose varietà.

my geranium S. Chiarugi 18
Per l’estate ho acquistato alcune piante, di solito mi faccio facilmente tentare dai pelargonio ad infiorescenza bianca ma ultimamente vi ho raccontato della mia tendenza verso le sfumature rosa\albicocca e amo particolarmente questo zonale carnicino.

my geranium S. Chiarugi 1.jpg

Non ho la possibilità di conservare in apposita serra i pelargoni durante l’inverno, malgrado siano piante perenni, li considero come annuali e come tali ogni primavera acquisto nuovi esemplari, nel tempo ho coltivato anche quei particolari ibridi che presentano due petali superiori più grandi e di colore diverso rispetto agli inferiori che ricordano le piccole viole del pensiero e sono chiamati ‘Angel’ , le foglie sono crespe, leggermente profumate e assomigliano a quelle del macranta, seppur siano piante già conosciute nell’800 sono stati immessi sul mercato nuovi ibridi come P. crispum ‘Angel Eyes’ apprezzati per la grande rifiorenza, che viene stimolata se ricordate di eliminare con costanza i fiori appassiti.

my geranium S. Chiarugi 3..jpg

 

pelargonium peltatum S. Chiarugi

Chi cerca una pianta dalle ramificazioni ricadenti, Pelargonium peltatum, meglio conosciuto come parigino o edera è quello più indicato perché forma una magnifica cascata di fiori.

Il mio geranio preferito è da sempre quello profumato, mi piacciono quasi tutte le varietà, in passato ne avevo coltivato una particolarmente pregiata che si chiama ‘Attar of Rose’ ha una bella storia e molte proprietà e se ne avete la possibilità vi consiglio di aggiungerlo alla vostra collezione.

my geranium S. Chiarugi 3.

Adoro le ghirlande, mi piace anche solo realizzarle per fotografarle anche perché mi sono imposta di evitare di accumulare quelle essiccate. Non perché non mi piacciono anzi hanno ancora più fascino, il problema è lo spazio. Comunque ho risolto in due modi, il primo è regalarle, così scarico il problema su altri e l’altro è creare ghirlande effimere come questa con il pelargonio, avete mai pensato che il suo fiore è perfetto anche da reciso?

Vi invito a visitare il sito ufficiale dedicato a tutti gli amanti del genere pelargonium per scoprire tutte le specie, varietà e i nuovi ibridi e per come utilizzarli per le decorazioni più originali.

 

Senza categoria

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares