You are here

Tagliabordi a batteria BLACK+DECKER STB3620L | Recensione completa

 

Il tagliabordi a batteria è utilissimo per rifinire il taglio dell’erba nelle zone difficili

Il tagliabordi a batteria è l’attrezzo ideale per chi ha un giardino poco esteso, in prevalenza caratterizzato da aiuole e percorsi intercalati da piccole zone a crescita erbosa; tuttavia, anche chi si affida a un rasaerba per curare un grande prato, a fine lavoro ha bisogno di rifinire alcune zone in cui il rasaerba non può lavorare, come a ridosso di recinzioni e muretti, su terreni irregolari o camminamenti a gradoni.

Nei motori tradizionali, le spazzole che strisciano contro l’indotto generano calore per attrito e questo si accumula attorno al motore; nei motori brushless al posto delle spazzole c’è un rotore a magneti permanenti che commuta elettronicamente e in continuo la fase elettrica per mettere in rotazione il motore, senza sfregamento. L’elettroutensile dura di più, dispone di una coppia superiore e, a parità di motore, di maggiore potenza.

I modelli a scoppio sono potenti, ma anche rumorosi e soggetti a manutenzione; il tagliabordi STB3620L, invece, è alimentato da una potente batteria al litio da 36 V che consente fino a un’ora di autonomia e massima libertà di movimento, l’ampiezza di taglio di 33 cm e l’alimentazione automatica del filo velocizzano il lavoro anche nei giardini di medie-grandi dimensioni. è ben bilanciato, leggero e silenzioso, con diverse regolazioni a misura di utilizzatore. Black+Decker (www.blackanddecker.it)

La batteria, inserita all’estremità posteriore del tagliabordi, è dotata di un indicatore dello stato di carica a 4 led che può essere visualizzato sia durante l’utilizzo sia mentre è inserita nel caricabatterie; quest’ultimo è in grado di rilevare e segnalare tramite altri led anomalie, carica in corso e carica terminata.

Prepararsi all’utilizzo del tagliabordi a batteria

  1.  Osservando la testa del tagliabordi, si nota un elemento metallico ripiegato all’indietro: in questa posizione la macchina è predisposta per il taglio tradizionale in aree senza ostacoli, ribaltandolo in avanti funziona da distanziale, sia per evitare che il filo colpisca fusti di alberi o altri ostacoli, sia per lavorare all’altezza corretta dal terreno nell’uso come tagliabordi.
  2. La protezione si monta facendola scorrere, dal lato dell’asta, sulle guide dietro la testina, fino a sentire lo scatto della linguetta; una vite centrale da serrare ne impedisce lo sfilamento accidentale.
  3. Premendo il pulsante di sbloccaggio alla base dell’asta si può ruotare la testa della macchina per passare da taglio normale a bordatura senza cambiare l’impostazione dell’impugnatura, che rimane sempre funzionale alla guida.
  4.  Ripiegando all’esterno la leva di bloccaggio posta lungo l’asta si libera l’estensione telescopica che permette di regolare la lunghezza dell’asta in base all’altezza dell’utilizzatore.
  5. In modo analogo si può scegliere la posizione ottimale per l’impugnatura ausiliaria, allentando la manopola a farfalla posta sotto di essa.
  6. L’interruttore di sicurezza per avviare la macchina dispone di ben 3 punti di contatto da premere simultaneamente: un pulsante da comandare con il pollice, uno nella parte superiore dell’impugnatura su cui preme la zona carpale e il regolatore di velocità posto sotto l’impugnatura da premere con indice e medio. Il tagliabordi STB3620L costa euro 249,90.

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares